Fondazione dell’Ordine degli architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della provincia di Milano

Iscriviti alla newsletter

/in primo piano

/archivio notizie

Biblioteca degli Architetti

La ragione degli edifici: la scuola di Milano e oltre
07/02/2011

Giovedì 17 Febbraio 2011, ore 18:30
La Ragione degli Edifici. La Scuola di Milano e oltre
Christian Marinotti Editore, Milano 2010

Introduce:
Vito Redaelli

Ne parleranno:
Antonio Monestiroli
Ennio Brion
Fulvio Irace

Il terzo ciclo de "La Biblioteca degli Architetti" si concluderà Giovedì 17 Febbraio con la presentazione del libro di Antonio Monestiroli intitolato "La ragione degli edifici. La scuola di Milano e oltre" edito da Christian Marinotti Editore. Attraverso gli interventi di Ennio Brion e Fulvio Irace, invitati ad interloquire con l'autore e con il moderatore Vito Redaelli, si effettuerà un'analisi dei temi del libro cercando di estrarne questioni più generali sulla città e sull'eredità della scuola di Milano.


---

Il libro è formato da tre parti. Una prima in cui si vuole mettere in evidenza la contraddizione, che è stata al fondo del dibattito teorico nel Novecento, fra complessità e semplificazione come matrici del pensiero sull’architettura. Questa contraddizione è risolvibile solo adottando un principio: quello della ricerca della ragione di tutte le cose, in architettura della ragione degli edifici.

Una seconda parte che affronta il lavoro di alcuni protagonisti dell'architettura italiana del Novecento che hanno posto alla base del loro progetto tale ricerca. Si tratta di alcuni architetti, Albini, Gardella, Rogers, Asnago e Vender, Rossi, Grassi e, insieme a loro, Libera, l'architetto romano più vicino ai milanesi, che insieme ad altri costituiscono una scuola di pensiero ben riconoscibile: la Scuola di Milano. Una scuola che fonda i suoi principi nell'illuminismo, una scuola che trae alimento dai filosofi vicini ad Antonio Banfi e che ha una sua continuità nel tempo.

Infine una terza parte che introduce la nozione di realtà come spettacolo non solo da conoscere, come vorrebbe un razionalismo convenzionale, ma da mettere in scena con le forme dell'architettura.

Per scaricare il manifesto del terzo ciclo de "La Biblioteca degli Architetti" .PDF

Condividi